Seleziona una pagina
 

Pesci grossi, pesci piccoli e concentrazione di fosforo

da | Mag 14, 2014 | Testi ironici di teoria utile

Una mattina di marzo mi ha chiamata un caro cliente, vecchio amico oramai, son tanti anni che si lavora assieme. Gli è successa una cosa stranissima: è arrivata una telefonata da una grossa società di consulenza, una di quelle di cui si fa fatica a pronunciare il nome, chiedendo una offerta per la progettazione di un software ad hoc per la gestione di un progetto.

‘Dottoressa, vieni con me?’

*Certo che ci vengo, son curiosissima!*

Vien fuori che la grossa società di consulenza deve gestire la riorganizzazione operativa di un’altra grossa azienda italiana parastatale e che non ha uno strumento elettronico di raccolta, storicizzazione, lettura ed analisi dei dati di progetto. Per questo si son rivolti al mio cliente, per questo servo io.

Mi vien da ridere, a pensarci. Abbiamo incontrato il manager, quello che gestisce il Grande Cliente. Abbiamo incontrato la PM, quella che ha in mano l’operatività del lavoro (insomma, quella che fa fatturato), siamo entrati in questi uffici di super lusso in centro a Milano con un punto di domanda e siamo usciti con un contratto per la progettazione del software.

Il mio cliente è una piccola società dell’IT, progettano software ad hoc: sono in pochi, hanno le idee chiare. Ci vogliono due programmatori esperti per fare un lavoro grosso nel pochissimo tempo richiesto. Ci sono. Ci vuole un cliente che detta le specifiche funzionali: non c’è.

Allora chiedono a me: capisci il problema, definisci le specifiche, guida gli sviluppatori nei test. Un lavoro semplice, in fondo. Un fatto di scomposizione del problema nei suoi fattori minimi e loro ricomposizione lungo un percorso critico e tecnologico che consenta di gestire un database che rendiconti, nel tempo, le performance del progetto.

Ovviamente, ce l’abbiamo fatta, e nessuno aveva il minimo dubbio.

Quello che mi colpisce, più di tutto, però è la differenza nella distribuzione delle risorse tra la grande e la piccola impresa.

Pieni di titoli, di master, di alte retribuzioni e di teoria, le grandi aziende di consulenza producono slide a mezzo di slide, poi quando devono lavorare non lo san fare: esternalizzano senza guida. Stento a credere che un Project Manager iper titolato non sappia scrivere le specifiche funzionali per la lettura di un database non complesso, e invece è così.

E capita, così, che una piccola società di informatica, che normalmente si interfaccia col suo mercato di clienti altrettanto piccoli, si trovi ribaltata in questo mondo strano e diverso, dove tutti parlano e pochi lavorano, tutti dicono di sapere e nessuno fa.

Nella PMI, invece, le competenze sono tante, ricche, e distribuite su poche teste che fan tante (ma proprio tante) cose. Ci sono giovanissimi e brillanti laureati che si rimboccano le maniche e fanno tutto il mestiere, dall’inizio alla fine, così in poco tempo diventano professionisti fatti e finiti che san guardare il problema nella complessità e non solo il piccolo tassello che è toccato a loro.

E queste competenze van guidate, incanalate, massimizzate, in modo da costruire progressivamente la crescita sana e fruttifera della organizzazione.

Nata nella PMI, conosco le sue logiche intrinseche e le sue caratteristiche essenziali come conosco la disposizione degli abiti nel mio armadio. Ci sono aree grigie, posizioni che sarebbero utili ma che rimangono vacanti per anni, c’è tantissimo saper fare (i miei amici bocconiani lo chiamano expertise): una ricchezza enorme da incanalare sotto la guida di imprenditori illuminati, lungimiranti e pronti a scommettere.

C’è competenza, flessibilità, disordine da ricomporre progressivamente per generare entropia organizzativa. C’è tanto, ma davvero tanto, da fare.

Se penso a quei giorni, e poi penso al Ciclo di Deming, lo vedo perfettamente realizzato: pensare, fare, controllare, correggere. Il mio piccolo cliente l’ha fatto, e molto bene. Il suo grande cliente non ci è riuscito: si son fermati al pensare e hanno scritto delle slide, poi han passato la palla.

Meditate, cari imprenditori italiani, meditate. L’economia italiana ed il futuro del paese sono davvero nelle nostre mani.

You May Also Like…

Bocconi a cartoni?!

La mia Università ha preso una multa, ma brutta brutta, brutta proprio. Più brutta per la reputazione che per l'importo, che di per sè probabilmente per una macchina da soldi come la Bocconi è sopportabilissimo. E' "lo sfregio" che trovo particolarmente imbarazzante,...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#comeunainformativa#

concisa, trasparente, intelligibile, semplice e Chiara

B86CDDD9-AA99-4ED4-ABE5-A4870105C83E_1_105_c
10006083_10204660300400194_6325890572134401797_o-1-1
f2e50901-a74a-473f-8bf2-30bdf107866c-1-1
F8984A9A-4B02-4E38-B15E-1FFF809CA533_1_105_c-1-1
5A4B92B8-3299-4186-BAD5-5699134764C5_1_105_c-1-1
D21E2F49-021A-479F-9B11-71750CF99CF3_1_105_c-1-1

Leggi un post a caso!

Frattali di SLA, matrici di metriche

Gennaio, fa davvero freddo. E stamattina non ho proprio voglia di uscire. Devo, però: una settimana fa mi ha chiamata un cliente dicendomi che ha un problema gravissimo e urgentissimo. E coi superlativi assoluti i clienti ci san davvero fare. Contratto nuovo, problema...

giorno sei. defcon 3.

Un'altra notte in piedi. Un mal di testa feroce. Cinque società che lavorano per riparare al danno, un numero imprecisato ma vertiginoso di tecnici che lavorano, di mail da scrivere, di nomi da ricordare. Sequenze, iterazioni e nessuna macro che mandi mail al posto...

La fabbrica del duomo

Si sono inventati la nuova fabbrica del duomo e l’hanno chiamata ERP, questa è la sensazione comune. Delle volte, vi dirò la verità, ce l’ho anche io. Ma solo delle volte. Lo so, lo so: ho un’angolazione particolare. Faccio organizzazione aziendale, per me il sistema...

EU Digital COVID Certificate: grinpass o non pass?

Ne parlano tutti. Come al solito (e mediamente) in Italia, a sproposito: un po' perchè "medioman" imperat ed un po' perchè, come cantava Ligabue, "pensa a chi non ci sente e poi ne vuol parlare". Vien da dire, prima di cominciare, che alla fine il Paese è pieno di...

Deliverables

Diceva un mio compagno di università, al secolo Gianluca D. (se mi autorizza, sarà taggato), che il lavoro del consulente è lineare: produce slide a mezzo di slide. Come pensavamo sofisticato, noi del DES della Bocconi... Pensavo non sapesse di che parlava, poi ho...

La metamorfosi kafkiana

Sono sempre Annarella, ho sempre 45 anni, son passati tre mesi e qui è successo un gran casino. I revisori a un certo punto sono scomparsi dall'orizzonte, in Direzione eran tutti tesi. Ci sono state settimane dove il silenzio suonava più forte delle urla del capo...

Esplora il blog

Su di me

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
081B7F82-3522-4D1F-95C9-AE3DD8883853_1_105_c
168980_1739107990282_5690240_n
180615_1739107830278_1312776_n
217943_4146273367912_379519022_n
389071_3894149904983_1094047988_n
423892_3230411951949_1828327562_n
561028_3339040027583_1641457904_n
1441533_10205520031292929_3582566704537519490_n
15727347_10210178170063487_2545053087441484216_n
44019711-C758-423E-972A-8C080C178949_1_105_c
120175075_10220932663119092_5780439823649154081_n
259869031_10223535325704030_6123869307689241603_n
C7FFB9E7-634A-4EC1-B484-0258E1306733_1_105_c
previous arrow
next arrow